Avvelenamento al Busatello

Lunedì 18 gennaio un agricoltore sparge mais avvelenato nei campi di Gazzo Veronese con l’intento di uccidere le nutrie che infestano i campi . Sono invece decine gli animali morti, tra cui aironi, fagiani, cornacchie, lepri, …

I campi si trovano nelle vicinanze dell’Oasi del Busatello, area umida di incommensurabile valore, ultimo lembo delle Valli Grandi Veronesi e oggetto di protezione comunitaria (ZPS).

Come è ovvio, l’avvelenamento si potrà spingere ben oltre i confini dei campi dell’agricoltore, visto che gli animali si muovono in libertà e sono all’interno di una rete trofica che coinvolge anfibi, uccelli, mammiferi e anche l’uomo.

È un disastro che lascia attoniti, causato da un’azione dettata da una giustizia fai da te incurante degli effetti risultanti.

Il WWF Nazionale ha emesso al riguardo un comunicato stampa che il WWF Veronese sottoscrive pienamente.


Per approfondire, ecco alcuni articoli di stampa:

Kodami
Corriere del Veneto
L’Arena

Busatello
Busatello
Copy link
Powered by Social Snap