Ibis Eremita e l’ennemiso caso di bracconaggio

L’ibis eremita (Geronticus eremita) è un uccello migratore a forte rischio di estinzione a livello globale.
Un tempo la specie era piuttosto diffusa lungo le zone rocciose e le scogliere di Europa meridionale, Medio Oriente e Nordafrica, ma attualmente vi sono poche colonie nidificanti in Marocco e Turchia e in Europa la specie risulta estinta dal XVII secolo.

Per cercare di salvare questo uccello dall’estinzione è in corso, da alcuni anni, un progetto (Waldrapp) che coinvolge vari enti, istituzioni ed associazioni  di Austria, Germania e Italia (tra cui il WWF e il Parco Natura Viva di Bussolengo).

Dal 2014, quando il progetto è diventato operativo, sono state create 4 colonie riproduttive distribuite tra il sud della Germania e la Carinzia austriaca.

A ciascun individuo nato in uno di questi centri vengono applicati degli anelli di riconoscimento e molti vengono anche dotati di un segnalatore GPS che rende possibile il monitoraggio puntuale dei loro spostamenti.

Alla fine dell’estate gli uccelli cominciano a migrare verso sud (in Italia, dove la metà finale è la Laguna di Orbetello) e, durante il tragitto, numerosi individui passano pure per la Provincia di Verona dove possono fermarsi anche per alcune settimane.

Purtroppo tra i pericoli di questo viaggio c’è anche il bracconaggio e, in Italia, ogni anno vari individui vengono illegalmente abbattuti lungo la loro rotta migratoria.

L’ultimo vile atto di questo tipo è avvenuto proprio nella nostra provincia dove, pochi giorni fa, due ibis sono stati uccisi a fucilate vicino a Mozzecane.

Le segnalazioni del GPS hanno permesso di recuperare i loro corpi e le radiografie, cui sono stati sottoposti, hanno evidenziato la presenza di numerosi pallini di piombo.

Qualche anno fa un episodio simile si era verificato vicino a Costermano.

Il WWF Veronese si associa allo sdegno suscitato da questi atti che mettono a rischio l’intero progetto europeo provocando anche seri danni economici.

Siamo di fronte ad una situazione allarmante, che non è figlia del caso ma di una doppia causa: la strategia violenta e dolosa messa in atto da una certamente esigua parte del mondo venatorio e l’impossibilità da parte delle istituzioni di farvi fronte con controlli, prevenzione e repressione.

Le normative che, alcuni anni fa, hanno riformato il Corpo forestale dello Stato e la Polizia Provinciale, hanno certamente ridimensionato quelle che erano le due principali forze preposte al controllo delle attività venatorie nonché della pesca e dei reati contro l’ambiente.

Nella nostra provincia, per esempio, gli agenti della Polizia Provinciale sono attualmente ridotti ad un terzo rispetto a quelli che erano gli effettivi 5 anni fa.

Questa situazione rende impossibile una azione efficace e i reati contro gli animali e l’ambiente rischiano di finire fuori controllo.

Il WWF chiede perciò alle istituzioni pubbliche, in particolare a Regione e Provincia, un cambio di rotta nella lotta contro questo tipo di reati che mettono in pericolo l’esistenza di specie super protette causando anche gravi danni di immagine nonché economici.

Leggi l’articolo de L’Arena